Salta e vai al contenuto principale
Ci siamo rifatti il look: benvenuti sul nuovo shop!
Scopri la nostra linea naturale, biologica e plastic free
Ci siamo rifatti il look: benvenuti sul nuovo shop!
Scopri la nostra linea naturale, biologica e plastic free
Ci siamo rifatti il look: benvenuti sul nuovo shop!
Scopri la nostra linea naturale, biologica e plastic free
Ci siamo rifatti il look: benvenuti sul nuovo shop!
Scopri la nostra linea naturale, biologica e plastic free
Ci siamo rifatti il look: benvenuti sul nuovo shop!
Scopri la nostra linea naturale, biologica e plastic free
Ci siamo rifatti il look: benvenuti sul nuovo shop!
Scopri la nostra linea naturale, biologica e plastic free
Ci siamo rifatti il look: benvenuti sul nuovo shop!
Scopri la nostra linea naturale, biologica e plastic free
Ci siamo rifatti il look: benvenuti sul nuovo shop!
Scopri la nostra linea naturale, biologica e plastic free
Ci siamo rifatti il look: benvenuti sul nuovo shop!
Scopri la nostra linea naturale, biologica e plastic free
Ci siamo rifatti il look: benvenuti sul nuovo shop!
Scopri la nostra linea naturale, biologica e plastic free

Come riconoscere il proprio tipo di pelle.

La nostra pelle può essere distinta in: grassa, secca, normale, mista e sensibile. Per far sì che essa però risulti sana e al meglio, è necessario, prima di tutto, riconoscere la propria categoria per poter, di conseguenza, scegliere i prodotti specifici.

  • PELLE SECCA: alcune parti della cute possono presentarsi rosse, rugose, spente e ruvide. Difficilmente riuscirai a vederne i pori e, inoltre, potrà anche sembrare squamosa o darti prurito.
  • PELLE GRASSA: la cute si presenta oleosa e lucida, i pori sono dilatati e visibili, ed è soggetta alla comparsa di punti neri e brufoli.
  • PELLE MISTA: la pelle mista si presenta secca in alcune zone – dorso delle mani, gomiti e arti – e grassa in zone come il naso e la fronte (classica zona T). In caso di pelle mista sarà opportuno utilizzare prodotti mirati su ogni zona specifica.
  • PELLE NORMALE: Raramente hai brufoli o punti neri e i pori non sono dilatati, infatti, non si vedono facilmente. La pelle, inoltre, non ha zone secche, squamose, pruriginose e arrossate.
    La pelle normale appare sana, ha un colore uniforme ed è elastica.
  • PELLE SENSIBILE: La pelle sensibile è una condizione complessa in quanto è caratterizzata da sintomi puramente soggettivi. Nonostante ciò è comunque possibile rintracciare i sintomi più comuni: ipersensibilità al volto – data la sottigliezza e la fragilità di zone come le labbra, mento, occhi e zona naso-labiale -sensazione di bruciore e pizzicore che si accentua mediante l’applicazione di alcuni prodotti cosmetici, pelle poco elastica che tira, tendenza alla desquamazione, prurito e secchezza.

Infine vi propongo un’ultima riflessione: pelle SECCA o DISIDRATATA? Spesso le due tipologie vengono confuse e i danni sono dietro l’angolo, perché non richiedono lo stesso tipo di prodotti. Conoscere questa differenza può senza dubbio migliorare l’aspetto della nostra pelle, motivo per cui vediamo allora quali sono le differenze:

  • PELLE SECCA: manca di lipidi ( parte grassa) per insufficienza di sebo. Presenta spesso desquamazione, rossori, rughe precoci, pelle poco elastica e con colorito spento. L’aspetto positivo della pelle secca è la mancanza quasi totale di punti neri, per via dei pori molto ristretti.
  • PELLE DISIDRATATA: manca di acqua e presenta secchezza, scarsa elasticità e colorito spento. A differenza della pelle secca, è una condizione temporanea e per risolverla bisogna integrare liquidi dall’interno – acqua, frutta e verdura – e attraverso prodotti contenenti fattori idratanti naturali. Le cause possono essere: alimentazione scorretta, fumo, stress, dormire poco, squilibri ormonali, ed esposizione al sole senza protezione.

Questo è quanto, avete già individuato il vostro tipo di pelle? Se è così, non vi resta che scegliere i prodotti e le cure adatti a voi!