Salta e vai al contenuto principale
Ci siamo rifatti il look: benvenuti sul nuovo shop!
Scopri la nostra linea naturale, biologica e plastic free
Ci siamo rifatti il look: benvenuti sul nuovo shop!
Scopri la nostra linea naturale, biologica e plastic free
Ci siamo rifatti il look: benvenuti sul nuovo shop!
Scopri la nostra linea naturale, biologica e plastic free
Ci siamo rifatti il look: benvenuti sul nuovo shop!
Scopri la nostra linea naturale, biologica e plastic free
Ci siamo rifatti il look: benvenuti sul nuovo shop!
Scopri la nostra linea naturale, biologica e plastic free
Ci siamo rifatti il look: benvenuti sul nuovo shop!
Scopri la nostra linea naturale, biologica e plastic free
Ci siamo rifatti il look: benvenuti sul nuovo shop!
Scopri la nostra linea naturale, biologica e plastic free
Ci siamo rifatti il look: benvenuti sul nuovo shop!
Scopri la nostra linea naturale, biologica e plastic free
Ci siamo rifatti il look: benvenuti sul nuovo shop!
Scopri la nostra linea naturale, biologica e plastic free
Ci siamo rifatti il look: benvenuti sul nuovo shop!
Scopri la nostra linea naturale, biologica e plastic free

Come riparare i capelli con la cheratina e/o la fitocheratina

Spesso si parla di cheratina e – negli ultimi tempi, più spesso, anche di fitocheratina – quando si tratta di ragioni per le quali una chioma possa definirsi sana.

Cosa sono però, e come le si usa?

CHERATINA: è una proteina presente nello strato esterno della pelle umana, – cheratina molle -nei capelli e nelle unghie – cheratina rigida.
La cheratina al termine del suo ciclo vitale, arriva a distaccarsi e a sfaldarsi – dalla pelle e dai capelli – e ciò è assolutamente fisiologico, perché poi nuove cellule sono pronte a sostituire quelle “morte” in un processo continuo chiamato “cheratinogenesi”. A volte però questo processo viene alterato da agenti esterni e interni coinvolgendo, di conseguenza, sia i capelli che la pelle

Fattori esterni: utilizzo frequente di prodotti aggressivi per i capelli e per la pelle, lavaggi troppo frequenti, utilizzo di tinte chimiche sui capelli, eccessiva esposizione solare e/o all’acqua salata, asciugacapelli troppo caldo, piastra, cloro delle piscine, esposizione ad agenti inquinanti.

Fattori interni: un’alimentazione scorretta, povera di proteine, vitamine, sali minerali e la poca assunzione di liquidi.

Per sopperire ai danni causati da questi fattori si può ricorrere all’uso, per l’appunto, della cheratina, la quale nei prodotti cosmetici va utilizzata in una dose che va dall’1% al 2% ed è idrosolubile – si scioglie in acqua e non in olio.

Vediamo allora come realizzare uno spray alla cheratina, che può essere utilizzato quotidianamente sui capelli:


Spray alla cheratina per uso quotidiano (zenstore):

  • 96 g di acqua distillata
  • 4 g di cheratina liquida al 25%
  • 16 gocce di conservante cosgard

Basta miscelare i tre ingredienti per ottenere uno spray da utilizzare su capelli asciutti. É possibile aumentare la percentuale di cheratina, senza superare il 3%, per ottenere uno spray più concentrato. Lo spray deve essere conservato in luogo fresco e asciutto, lontano da fonti di calore (in estate è meglio tenerlo in frigo). Il prodotto può durare fino ad un mese e controllate che né il colore, né l’odore si alterino: in tal caso, lo spray ha subito una contaminazione e non andrà assolutamente utilizzato.


La cheratina può essere utilizzata anche per altri cosmetici per capelli: shampoo, balsamo, impacco…
La percentuale di utilizzo raccomandata è sempre la stessa: 1% – 2%.


CONTROINDICAZIONI:
La cheratina è uno di quei prodotti che, se utilizzato male, può recare danni.
La cheratina
NON va mai utilizzata pura sui capelli, perché andrebbe ad indurire questi al punto tale da farli spezzare.
Anche percentuali superiori a quelle consigliate possono causare gli stessi effetti, mantenersi quindi sempre nelle percentuali consigliate.


FITOCHERATINA: la fitocheratina è la proteina del grano idrolizzata, la quale possiede capacità idratanti e nutrienti per i capelli e per la pelle. Utilizzata in prodotti per la cura dei capelli svolge attività districanti, riparatrici e fortificanti, mentre nei prodotti per la cura della pelle idrata e riduce l’aggressività dei tensioattivi – ciò equivale a minor rischio di irritazioni e secchezza cutanea.
La fitocheratina riesce a riprodurre i benefici della cheratina di origine animale ma non è altrettanto performante, in quanto la seconda ha una struttura chimica uguale a quella presente nei nostri capelli e sulla nostra pelle, mentre la fitocheratina è un composto chimico diverso.

Conservazione e caratteristiche: va conservata a una temperatura inferiore ai 15°, quindi, sempre in frigo al riparo da luce e fonti di calore: una bottiglietta di vetro scuro è l’ideale.
La fitocheratina è solubile in acqua all’1% ed è parzialmente solubile in alcool etilico.
La percentuale di utilizzo varia dallo 0,2 al 2%.
La fitocheratina può essere aggiunta ai prodotti utilizzati per la cura dei capelli e della pelle: shampoo, creme, lozioni, maschere, balsamo, ecc… In questi casi la percentuale di utilizzo consigliata è dell’1%. La capacità di ristrutturare il fusto capillare è inferiore rispetto alla cheratina.

Spray alla fitocheratina per un uso quotidiano:

-Questo spray contiene il 2% di fitocheratina.

  • 98 gr di acqua distillata
  • 2 gr di fitocheratina liquida
  • 16 gocce di cosgard


Basta miscelare i tre ingredienti per ottenere uno spray da utilizzare su capelli asciutti, esso va conservato in luogo fresco e asciutto – in estate è meglio tenerlo in frigo. Il miglior materiale per la conservazione è una bottiglietta di vetro scuro ma anche un flacone spray opaco va bene. Il prodotto può durare fino ad un mese. Controllate che né il colore, né l’odore si alterino perché in tal caso dovrà essere buttato.