Salta e vai al contenuto principale
Ci siamo rifatti il look: benvenuti sul nuovo shop!
Scopri la nostra linea naturale, biologica e plastic free
Ci siamo rifatti il look: benvenuti sul nuovo shop!
Scopri la nostra linea naturale, biologica e plastic free
Ci siamo rifatti il look: benvenuti sul nuovo shop!
Scopri la nostra linea naturale, biologica e plastic free
Ci siamo rifatti il look: benvenuti sul nuovo shop!
Scopri la nostra linea naturale, biologica e plastic free
Ci siamo rifatti il look: benvenuti sul nuovo shop!
Scopri la nostra linea naturale, biologica e plastic free
Ci siamo rifatti il look: benvenuti sul nuovo shop!
Scopri la nostra linea naturale, biologica e plastic free
Ci siamo rifatti il look: benvenuti sul nuovo shop!
Scopri la nostra linea naturale, biologica e plastic free
Ci siamo rifatti il look: benvenuti sul nuovo shop!
Scopri la nostra linea naturale, biologica e plastic free
Ci siamo rifatti il look: benvenuti sul nuovo shop!
Scopri la nostra linea naturale, biologica e plastic free
Ci siamo rifatti il look: benvenuti sul nuovo shop!
Scopri la nostra linea naturale, biologica e plastic free

Non solo cosmesi

In questo articolo verranno raggruppate le principali ricette che danno vita ad una rubrica amatissima dalla community di Biomagarie: non solo cosmesi, ovvero tutte le autoproduzioni non cosmetiche ma bensì culinarie!

Sciroppo di viole

Ingredienti:

Violette – 50 g
Acqua – 200 g
Zucchero – 100 g

Procedimento:

Partiamo dai nostri meravigliosi fiori, laviamoli ed asciughiamoli bene.

Mi raccomando a togliere i gambi ai nostri fiori

Dopodiché andremo ad immergere i nostri fiori nell’acqua all’interno di un contenitore che deve essere coperto da un panno, lasciando il nostro preparato a riposo per un giorno intero.

Una volta terminata l’attesa, andremo a filtrare il liquido con un colino per poi farlo bollire in un pentolino per 10 minuti a fiamma bassa, andando ad aggiungere anche lo zucchero.

Lasciamo poi raffreddare il nostro preparato che possiamo travasare nelle nostre bottiglie di vetro

Lo sciroppo di viòlette è davvero semplice, oltretutto è un ottimo rimedio per addolcire le bevande, oppure semplicemente per ottenere l’acqua aromatizzata.
Possiamo utilizzarlo nei dolci, nei preparati di frutta come le macedonie o per dolcificare lo yogurt.

Burro di arachidi

BURRO DI ARACHIDI

Piccolo disclaimer: si può fare con tutta la frutta secca.

È un alimento ricco di proteine vegetali, grassi monoinsaturi, calcio, fosforo e fibre. È molto versatile, semmai riusciste a resistere alla tentazione di finirlo a cucchiaiate potete utilizzarlo al posto del burro per cucinare torte, biscotti, gelati e si presta bene anche alle ricette salate.

Occorrente:
arachidi
pizzico di sale
un buon frullatore
dolcificante (facoltativo)

Procedimento:
Versatevi una bella birra fredda e iniziate a sgusciare le arachidi (potete anche scegliere una tisana, ma con la birra è più divertente) oppure fate la furbata di prenderle già sgusciate.
Tostatele 10 minuti in padella, così da aiutarle a far uscire il loro olio.
Dopo averle fatte raffreddare un po’, versatele nel frullatore e dateci dentro. Frullate, frullate, ogni tanto aprite per dargli una mescolata e spingere le più cocciute sul fondo, senza pietà, e frullate. Pizzico di sale per fargli uscire tutto l’olio e frullate ancora, mescolate e frullate fino ad ottenere la consistenza irresistibile di una crema super burrosa.
A questo punto potete aggiungere un dolcificante -se volete- miele? Zucchero? Stevia? Come ve pare, per me è buonissimo anche senza, anzi personalmente preferisco l’effetto arachide salata!

Come detto all’inizio potete usare anche altra frutta secca e meravigliose sinergie tipo la mia preferita: mandorle, nocciole, cacao amaro e miele
Ciò consente non solo di fare a meno delle creme del supermercato, spesso piene di olii ottenuti da coltivazioni non sostenibili, edulcoranti e conservanti, vasetti che non sappiamo più dove infilare, ma anche di variare la scelta della materia prima optando per produzioni locali

Maionese vegana

Ingredienti:

60 g di yogurt di soia

80 g di olio evo

sale a piacere

curry o curcuma a piacere

3 g di succo di limone

Procedimento:

Nel mixer preparo un composto omogeneo con yogurt ed olio.Aggiungo il sale, il limone ed il curry e continuo a frullare col mixer per amalgamare bene il tutto.Trasferisco il composto in una ciotola e lascio riposare in frigo per un paio d’ore.

Per la conservazione al massimo si può tenere 2/3 giorni in frigo!Principalmente la utilizzo insieme ai crostini, sul pane, insieme agli hamburger di soia o con le patate, insomma è un ottimo accompagnamento!

Dado vegetale

INGREDIENTI

600 g di verdure pulite a scelta, io ho usato queste:

Cipolle

Carote

Sedano

Pomodorini

Patate

Aglio

120 g di sale

Rosmarino, salvia, alloro

PROCEDIMENTO:

Scaldate 2 cucchiai di olio evo in una padella antiaderente e fate soffriggere le verdure precedentemente tagliate a dadini, versate il sale, mescolate e coprite con un coperchio.

Lasciate cuocere a fuoco bassissimo per circa un’ora, mescolando di tanto in tanto.

Togliete il coperchio e fate cuocere a fiamma vivace mescolando continuamente per fare evaporare tutto il liquido.

Quando il composto risulterà abbastanza denso, frullate il tutto (con un minipimer o un mixer) e rimettetelo in padella facendolo asciugare per altri 10 minuti.

Una volta raffreddato è pronto per essere messo nei vostri vasetti! (Ricordatevi sempre di sterilizzarli) Si conserva in frigorifero per 1 mese e in freezer fino a 6 mesi!!

Magarina vegetale

Ingredienti:

Latte di soia 100 g

Olio di girasole 70 g

Olio di oliva 30 g

Lecitina di soia 20 g

Procedimento:

Scaldo il tutto a bagnomaria e mescolo bene il composto.

Dopodiché, una volta miscelato, inserisco il composto nel freezer per circa 5 minuti.

Estraggo il composto e vado di miniprimer, andando così a frullare il tutto e aggiungendo anche un paio di cucchiai d’acqua, mentre continuo a frullare, per ottenere una consistenza più cremosa.Una volta ottenuta la margarina dalla consistenza che desidero, la lascio riposare nel frigo .È alla base di mie molteplici ricette come biscotti , pane e dolci!

Colazione in tazza

Ingredienti per la base

1 barattolino di yogurt magro/soia

40 g di fiocchi di avena

40 ml di latte/bevanda vegetaleScaglie di cioccolato fondente a sentimento

Ingredienti per la guarnizione

Polvere di cacao amaro

Acqua qb

Miele della nostra zona qb

Granella di pistacchio (anche nocciole ha il suo perché!)

Procedimento:

Uniamo lo yogurt, i fiocchi di avena e il latte. Aggiungiamo le scaglie di cioccolato fondente e predisponiamo il tutto nella nostra tazza preferita. In un bicchiere mettiamo la polvere di cacao amaro, miele ed acqua e mescoliamo e mescoliamo finché non avremo raggiunto la giusta consistenza. Dopodiché possiamo aggiungerla al composto precedentemente fatto e possiamo guarnire la nostra colazione in tazza come più ci aggrada, in questo caso è stata utilizzata la granella di pistacchi. Potete lasciare la colazione in tazza in frigo e voilà, la mattina dopo è pronta

Falafel di ceci

falafel di ceci

Ingredienti:

300 gr di ceci secchi

Mezza cipolla

Uno spicchio di aglio

Tanto prezzemolo

Cumino a piacere

Coriandolo a piacere

Sale rosa

Pepe

1 cucchiaio di pangrattato

Olio di oliva

Procedimento:

Prima di tutto ammollate i ceci secchi in abbondante acqua per almeno 24 ore, dopodiché, dopo averli asciugati, frullateli insieme a cipolla ed aglio.

Aggiungete le varie spezie e odori e frullate nuovamente fino ad ottenere un composto pressoché omogeneo.

Eventualmente lasciate riposare il composto per un paio di ore nel frigo, poi mescolare e cominciate a formare delle palline che andrete a girare nel pangrattato, pronte per essere fritte n olio bollente fino a doratura.

La ricetta originaria vorrebbe che venissero fritte, io per praticità e gusto preferisco infornarle con un filo di olio di oliva per 20 minuti a 180 gradi!

Se non riesco ad utilizzare i ceci messi precedentemente in ammollo, utilizzo quelli precotti in scatola.

Chai tea

Il chai tea è il the tradizionale indiano che si prepara principalmente con latte  e spezie 

La mia miscela di spezie prevede: cannella, pepe nero, chiodi di garofano, zenzero, cardamomo semi verdi.

Come si prepara?

Ho portato ad ebollizione circa 180 ml di acqua insieme alle spezie, dopodiché ho aggiunto circa 200 ml di latte di soia (si può aggiungere anche lo zucchero o del miele per averlo più dolce) e ho lasciato bollire per qualche minuto.

Ho poi filtrato le spezie e l’ho assaporato una volta tiepido

Eventualmente potete anche utilizzare un montalatte per ottenere una schiuma cremosa oppure scegliere di mettere una spolverata di cannella e/o di curcuma.

Farinata di ceci alle erbe

 

Ho raccolto dal mio giardino ortica, salvia ed alloro per fare un decotto da bere e lenire i dolori di mal di pancia

Dopodiché dopo aver sbollentato un po’ l’ortica, l’ho aggiunta nella FARINATA DI CECI alle erbe che ho preparato:

Acqua 800 ml

Farina di ceci 200 g

Olio extravergine di oliva 20 g

Un pizzico di sale se preferite

Una manciata di erbe dal mio giardino: erba cipollina, ortica, salvia, rosmarino, origano, timo e menta

Procedimento:

Amalgamo la farina di ceci con l’acqua, mescolando (con una frusta magari) fino ad ottenere una consistenza cremosa ed omogenea.

Dopodiché aggiungo al composto l’olio e le erbe e continuo a mescolare.

Vado poi ad inserire in una casseruola di alluminio il composto, dopo averlo precedentemente unto con l’olio.

Vado ad infornare con forno statico a 220 gradi per circa mezz’ora, dopodiché vado a sfornare la mia buonissima farinata

Tortini alla zucca

250 g di zucca

250 g di farina 00

50 g di zucchero

2 uova

100 ml di olio di semi

100 ml di latte di soia (o acqua)

Zucchero a velo

Procedimento:

Montare le uova con lo zucchero fino a creare un composto spumoso, dopodiché aggiungete l’olio poco per volta, la zucca precedentemente frullata ed il latte.

Mentre mescolate il tutto, aggiungete in fase finale la farina, fino a che il composto non diventi ben omogeneo.

Versate il composto negli stampini e infornate a 180 gradi per circa 40 minuti.